Ottobre 2013

Dal 3 novembre a Trauttmansdorff entra in vigore la tariffa di Tardo Autunno - 31.10.13

Da domenica 3 novembre fino al 15 novembre, l’ultimo giorno di apertura, la meta più amata dell'Alto Adige potrà essere visitata a un prezzo speciale di soli 6,50 € invece di 11,00 €. Per i bambini e i ragazzi sotto i 18 anni l'ingresso sarà addirittura gratuito.

La stagione 2013 ai Giardini giunge lentamente al termine – ma prima di chiudere i battenti, i Giardini di Castel Trauttmansdorff e il Touriseum fanno uno speciale regalo di commiato ai/alle loro visitatori/trici: nelle ultime, belle giornate autunnali di apertura, caratterizzate dall'affascinante atmosfera dell'Indian Summer, è possibile visitare i Giardini allo speciale prezzo autunnale di soli 6,50 € e per tutti/e i/le visitatori/trici sotto i 18 anni l'ingresso è gratuito! Con questa promozione i Giardini intendono affascinare soprattutto i/le visitatori/trici del posto con le bellezze naturali uniche che hanno sotto casa propria: lontani dal turismo caotico potrete trascorrere all'interno dei Giardini alcune ore tranquille e indimenticabili e godervi gli ultimi caldi raggi di sole.

Autunno

Il Giardino Giapponese nei Giardini di Castel Trauttmansdorff si mostra in un rosso lucente

Oltre al fogliame dal tipico colore autunnale, numerosi altri eventi di rilievo invitano a scoprire e visitare i Giardini: nelle Terrazze di Riso Asiatiche, sul lato nord del castello, cresce il riso, nel palmeto le freddoline autunnali risaltano con le loro delicate tonalità di bianco e di rosa, e anche la collezione di 150 diverse qualità di salvia selvatica e di cultivar ha raggiunto l'apice della fioritura. Conferiscono ai Giardini un fascino particolare anche svariati frutti che maturano proprio in questi giorni: fichi, castagne, olive e melograni.
Con un pizzico di fortuna, gli ospiti dei Giardini potranno anche osservar

L’Imperatrice Elisabetta in visita a Trauttmansdorff! - 19.10.13

Il 19 ottobre i Giardini di Castel Trauttmansdorff avranno visite prestigiose: l’Imperatrice Elisabetta visiterà i Giardini e il Touriseum per riscoprire i vecchi luoghi e sentieri della sua antica residenza feriale. 

Sabato 19 ottobre a Trauttmansdorff tutto girerà attorno all’Imperatrice Elisabetta. L’ “Imperatrice Elisabetta” passeggerà nei Giardini in vestiti uguali a quelli originali e condurrà i visitatori e le visitatrici nel XIX secolo. Un’occasione unica per portare a casa una foto ricordo molto particolare dei Giardini.

Sissi

Passeggiata con Sissi attraverso i Giardini di Castel Trauttmansdorff…

Anche il Touirseum è preparato all’importante visita. Brevi introduzioni nella Sala Deuster sveleranno agli ospiti tutte le informazioni più importanti sulle permanenze dell’imperatrice a Castel Trauttmansdorff e sulla sua importanza per lo sviluppo della città di Merano. Anche le ancelle di Sissi si sono acconciate per l’occasione ed offrono una visita guidata teatrale attraverso le stanze storiche dell’imperatrice.
L’Imperatrice Sissi trascorse due delle sue quattro permanenze meranesi a Castel Trauttmansdorf. La prima volta, nel 1870, soggiornò a Castel Trauttmansdorff. Sissi amava fare lunghe passeggiate. Per questa ragione fece costruire un sentiero attraverso il bosco di roverelle vicino a Castel Trauttmansdorff. Su questo stesso sentiero, gli ospiti di Trauttmansdorff passeggiano ancor oggi, quando camminano lungo la Passeggiata di Sissi all’interno dei Giardini.
Solo 18 anni dopo il suo primo soggiorno meranese a Castel Trauttmansdorff e mezzo anno dopo la morte di suo figlio Rudolf, Sissi tornò a Trauttmansdorff, nel 1889. Sembra che Sissi sia tornata a Merano per i “ricordi dei tempi passati e felici”, come l’imperatore scrisse in seguito rispetto alle visite a Trauttmansdorff.

Il giorno seguente, il 20 ottobre, l’ ”Imperatrice Sissi“ sfilerà, in occasione della Festa dell’Uva a Merano, su uno dei tre carri di Trauttmansdorff. La giornata in onore dell’Imperatrice Elisabetta nei Giardini e la sua esibizione alla festa dell’Uva a Merano è organizzata in cooperazione con il percorso culturale “La Strada di Sisi”, di cui i Giardini di Castel Trauttmansdorff sono partner.

Vendemmia della vite Versoaln - 16.10.13

Martedì 15 ottobre ha avuto luogo la vendemmia presso la vite “Versoaln”, la più grande e quasi certamente più antica al mondo.
L’Associazione turistica Tesimo-Prissiano, Castel Katzenzungen e i Giardini di Castel Trauttmansdorff, che nel 2006 hanno assunto la paternità di questa vite unica al mondo, hanno invitato rappresentanti della stampa locale ed esperti di vino a vendemmiare tutti insieme. Una degustazione del vino Versoaln, una visita guidata attraverso Castel Katzenzungen e specialità locali hanno premiato i/le laboriosi/e aiutanti della vendemmia.

Sono ancora in pochi a sapere che la vite più grande e quasi certamente più antica del mondo si trova in Alto Adige. La sorpresa è ancora più grande se a questa informazione si aggiunge anche che dall’uva di questa vite di circa 350 anni e grande 300 m2 viene oggi prodotto del vino. Per promuovere queste informazioni e per offrire a questa vite le cure di cui ha bisogno, i Giardini di Castel Trauttmansdorff ne hanno assunto la paternità nel 2006. Da questo momento l’uva del Versoaln viene pigiata nel Podere Provinciale Cantina Laimburg, che si prende cura della vite, e ne viene prodotto un ottimo vino.

Veronika Pobitzer, proprietaria di Castel Katzenzungen, dott.ssa Heike Platter, direttrice marketing dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, e Thomas Knoll, Presidente dell’Associazione turistica Tesimo-Prissiano, danno il benvenuto agli ospiti

Martedì 15 ottobre ha avuto luogo la vendemmia sotto l’antica vite. “Siamo molto orgogliosi della nostra vite e vogliamo avvicinare la gente del luogo a questa meraviglia della natura”, ha affermato Thomas Knoll, presidente dell’Associazione turistica Tesimo-Prissiano. La direttrice marketing dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, Heike Platter, sottolinea la preziosità del vino ricavato da queste uve “storiche”: “La vite Versoaln rappresenta un patrimonio culturale unico in Alto Adige. Dalle uve che oggi raccoglieremo insieme viene prodotta annualmente, insieme alle uve delle circostanti viti di 120 anni d’età, una serie limitata di ca. 300 bottiglie di vino, il cui vino si può degustare anche nell’arco del pacchetto sensoriale “Giardini & Vino”. 

Tutti gli invitati, fra cui diversi rappresentanti della stampa locale, hanno partecipato alla vendemmia.
Dopo una visita attraverso Castel Katzenzungen, l’antica vite è stata festeggiata con musica locale e specialità gastronomiche del posto.