Giugno 2015

Trauttmansdorff dà il benvenuto alla 5 milionesima visitatrice - 24.06.15

5.000.000 di visitatrici e visitatori hanno visitato i Giardini di Castel Trauttmansdorff dalla loro apertura il 16 giugno 2001. Mercoledì mattina la 5 milionesima di loro, Geneviève Dirikx dal Belgio, è stata sorpresa all’ingresso dei Giardini insieme alla sua famiglia ed è stata accolta come ospite d’onore.

I Giardini di Castel Trauttmansdorff hanno dato il benvenuto alla loro 5 milionesima visitatrice: Geneviève Dirikx viene da Heusden-Zolder in Belgio e sta trascorrendo le vacanze a Terlano con suo marito Luc e suo figlio Thibaud. La famiglia Oben viene in Alto Adige quasi ogni anno, ma a Trauttmansdorff per loro questa è la prima visita. Geneviève è stata accolta dal direttore dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, Günther Pertoll, che ha consegnato all’ospite d’onore una collana di fiori e un volume illustrato dei Giardini. 

 
Günther Pertoll, direttore dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, consegna alla 5 milionesima visitatrice un cestino regalo da parte dei Giardini di Castel Trauttmansdorff.

Aperti nel 2001, i Giardini di Castel Trauttmansdorff sono diventati in breve tempo la meta turistica più amata dell’Alto Adige. Dal 2010 i Giardini danno il benvenuto a più di 400.000 visitatori/trici a stagione, ossia in 7,5 mesi di apertura all’anno. “Questo è un successo incredibile non solo per i Giardini, bensì anche per la regione turistica di Merano e dintorni e per tutto l’Alto Adige“, spiega il direttore dei Giardini Günther Pertoll “ poiché, come battistrada del turismo locale, Trauttmansdorff crea circa 300 posti di lavoro e un fatturato turistico di oltre 40 milioni all’anno.”

La maggior parte dei/alle visitatori/trici viene dalla Germania (2014: ca. 215.000 ospiti), poi vengono i/le visitatori/trici dall’Italia (2014: 52.000 ospiti, esclusi/e gli/le italiani/e dell’Alto Adige), dall’Austria (2014: 33.000 ospiti) e dalla Svizzera (2014: 28.000 ospiti). I/Le visitatori/trici dell’Alto Adige invece occupano la terza posizione nella classifica delle provenienze (2014: ca. 35.000).

Dalle statistiche dei visitatori emerge chiaramente anche la crescente fama internazionale dei Giardini, dimostrata dal fatto che nel 2014 hanno visitato il parco meranese visitatori/trici da quasi 90 paesi di tutto il mondo. Questo sviluppo va a braccetto con il riconoscimento come “Giardino Internazionale dell’Anno 2013” e il network internazionale dei Giardini. I Giardini di Castel Trauttmansdorff sono infatti tra i membri fondatori dell’International Garden Tourism Network (IGTN), una piattaforma internazionale fondata nel 2014, che contribuisce all’imprinting, allo sviluppo e alla professionalizzazione del Garden Tourism come settore in crescita nell’ambito dell’economia del turismo. 

Premiati giovani ricercatori e ricercatrici all’azione didattica  - 22.06.15

La classe 2F del Liceo Scientifico Torricelli a Bolzano e la classe 3B della scuola media S. Martino/Passiria sono le vincitrici del concorso fotografico 2014. Nella scorsa stagione dei Giardini, più di 50 classi, per un totale di 2203 studenti e studentesse, hanno partecipato al programma didattico dei Giardini di Castel Trauttmansdorff. In contemporanea all’omonima mostra “Amore in Fiore“ i/le giovani visitatori/trici dei Giardini hanno appreso tante curiose informazioni sulla sessualità delle piante e hanno partecipato al primo concorso fotografico per classi scolastiche organizzato dai Giardini. Ora i vincitori ricevono il loro premio.

Nella stagione 2014 i Giardini di Castel Trauttmansdorff hanno offerto per la sesta volta visite guidate didattiche per classi scolastiche. In queste occasioni, il sapere botanico mediato in maniera avvincente e multisensoriale. In contemporanea alla mostra temporanea “Amore in Fiore – L’Eros nel Mondo Vegetale”, anche il programma didattico degli/delle scolari/e ha trattato il tema della riproduzione nel mondo vegetale e nella scorsa stagione dei Giardini ha attirato 55 classi scolastiche interessate con un totale di 2203 studenti e studentesse in e fuori dalla regione. Per la prima volta all’interno del programma didattico è stato indetto un concorso fotografico, nel quale il compito degli studenti e delle studentesse era quello di fotografare gli insetti al momento dell’estrazione del nettare e dell’impollinazione.  

 
La classe 2F del Liceo Scientifico Torricelli di Bolzano, con Giuseppe Stavole, professore del Liceo Torricelli, Werner Ladurner, giardiniere dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, Karin Kompatscher, curatrice botanica dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, Mauro Coghi, professore del Liceo Torricelli, e Loris Mantovan, custode del Liceo Torricelli.


La classe 3B della scuola media S. Martino/Passiria con Oliver Urlandt, capogiradiniere dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, Günther Pertoll, direttore dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, Karin Kompatscher, curatrice botanica dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, Rosmarie Pamer sindaca del comune di S. Martino/Passiria, Elisabeth Raffl, insegnante, Christine Koppelstätter, direttrice della scuola media S.Martino/Passiria, e Sabine Pichler, insegnate della scuola media S.Martino/Passiria. 

Questo compito è stato svolto in maniera particolarmente talentuosa dagli alunni e dalle alunne della classe 2F del Liceo Scientifico Torricelli a Bolzano e della classe 3B della scuola media S. Martino/Passiria, nominati vincitori da una giuria di esperti composta da Karin Kompatscher, curatrice botanica dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, e Timo Kopf, entomologo di Innsbruck che ha già fatto esperimenti sugli insetti impollinatori nei Giardini.


La foto premiata della classe 2F del Liceo Scientifico Torricelli di Bolzano mostra una mosca, simile a un’ape nel suo aspetto, in un fiore di ibisco

La classe 2F del Liceo Scientifico Torricelli di Bolzano è riuscita a conquistare la giuria con una foto di un’ape (Eristalix tenax) in un fiore di ibisco, mentre la classe 3B della scuola media S. Martino/Passiria ha ottenuto la vittoria con una foto particolarmente originale: nella foto si vede una mosca insetto in un fiore di anemone d’autunno attraverso la lente di ingrandimento. L’impegno delle classi è stato adeguatamente premiato: insieme ai Giardini di Castel Trauttmansdorff, la classe della scuola S. Martino/Passiria ha piantanto nel cortile dell’edificio un acero rosso, mentre la classe del Liceo Scientifico Torricelli ha ricevuto una magnolia.


La foto premiata della classe 3B della scuola media S. Martino/Passiria mostra una mosca insetto in un fiore di anemone d’autunno attraverso la lente di ingrandimento.

“Premiando le classi con una magnolia e un acero rosso vogliamo incuriosire gli studenti e le studentesse sulla botanica anche fuori da Trauttmansdorff. Entrambe le piante sono state oggetto di studio da parte delle classi già all’interno dei Giardini e ora gli studenti possono continuare ad osservarle anche nella loro crescita e nel loro sviluppo ogni giorno quando vanno a scuola”, dice la curatrice dei Giardini di Castel Trauttmansdorff Karin Kompatscher. 

Tutti i/le vincitori/trici hanno anche ricevuto un ingresso omaggio per famiglie per una visita ai Giardini di Castel Trauttmansdorff: un’ottima opportunità per visitare di nuovo i Giardini in prima persona e per condividere il proprio sapere botanico con tutta la famiglia. 

Il programma didattico 2015 dal tema “Cacao, Vaniglia & Co.“ verrà riaffrontato dopo le ferie scolastiche estive. Durante questa guida didattica, le classi potranno osservare i frutti esotici che crescono soprattutto nella nuova Serra dei Giardini. Anche questo programma didattico sarà accompagnato da un concorso e le classi migliori saranno premiate nel prossimo anno scolastico.