Maggiori attrazioni botaniche – da non perdere!

Venite a scoprire le più grandi, antiche e belle attrazioni esotiche a Trauttmansdorff

La vite più antica al mondo, il Versoaln, un olivo di 700 anni, diverse collezioni di piante e rigogliose piante esotiche rendono la Vostra visita ai Giardini di Castel Trauttmansdorff un’indimenticabile passeggiata attraverso più di 80 paesaggi botanici di tutto il mondo.

Wollemia nobilis – dalla preistoria direttamente nella Valle delle Felci

Wollemia nobilis

Nel 1994 fu fatta una straordinaria scoperta botanica: in una gola australiana furono trovati circa cento esemplari di una conifera ritenuta estinta. Come dimostrano molti fossili di questo albero, la Wollemia nobilis era diffusa in tutto il mondo fino a 65 milioni di anni fa.

Con grande probabilità, questa sensazionale scoperta portò alla luce gli ultimi esemplari viventi di questa specie. È insolito che tutti gli esemplari possiedano lo stesso patrimonio ereditario, che siano quindi cloni. Il luogo in cui si trovano i ca. 100 esemplari della pianta è un segreto – al fine di proteggere la pianta dalle malattie. Un programma internazionale per la proliferazione e l’allevamento di questa interessante pianta assicura, dal 1999, la sopravvivenza alla Wollemia.

Dall’aprile del 2006 i Giardini di Castel Trauttmansdorff sono il primo giardino botanico in Italia ad esporre al pubblico un esemplare della rara conifera nella Valle delle Felci, insieme ad altri “fossili viventi“ come il Ginkgo biloba e la Metasequoia glyptostroboides. è stato lo sponsor Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano a rendere possibile l’acquisizione della pianta. Per studiare la resistenza al freddo della pianta è stato raggiunto un accordo con il governo australiano: la conifera sverna all’aperto e, in caso di danni provocati dal gelo, verrà sostituita dal governo australiano.

Rhododendron arboreum nei Boschi del Mondo

Rhododendron

Questo antico e particolarmente bell’esemplare di Rhododendron arboreum è alto 5-6 m ed è stato trasportato in via eccezionale dal Lago Maggiore (Como, Italia) nei Giardini di Castel Trauttmansdorff. Inoltre in primavera quasi 400 differenti coltivazioni di rododendro affascinano i/le visitatori/trici nei Boschi del Mondo.

Olivo di 700 anni nei Giardini del Sole

Olivo

I Giardini di Castel Trauttmansdorff ospitano un olivo di 700 anni proveniente dalla Sardegna. Durante la piantumazione il suo notevole peso era di 5,8 t, motivo per cui per il trasporto si è dovuto costruire un carro apposta. La circonferenza del tronco dell’albero coltivato è di 3 m, il suo diametro all’altezza del petto di 93 cm. Il nodoso apprendista mostra la tipica e sorprendente shilouette di alberi di olivo molto antichi. Esse sono ormai le più antiche piante coltivate al mondo.

La vite più grande e quasi certamente più antica al mondo (Castel Katzenzungen, Prissian

Vite

Nel 2006 i Giardini di Castel Trauttmansdorff hanno acquisito il patrocinio per la Versoaln, la più grande e probabilmente la più antica vite del mondo, monumento naturale e bene culturale altoatesino. Ai piedi di Castel Katzenzungen a Prissiano (distante ca. 15 km dai Giardini), il tetto di foglie di questa antichissima vite (più di 350 anni) si estende su una superficie di oltre 300 m².

Le principali zone in cui si coltivava il Versoaln (chiamato anche Versailler) erano una volta le ripide vigne situate sulle pendici della Val Venosta. Il vino che se ne produce, sfumato di verde, ha un sapore fruttato, una struttura delicata e un’acidità appena accennata; esso si può degustare all’interno del pacchetto combinato “Giardini & Vino”.

Un’età simile è stata rilevata solo per un’altra vite a Mariborin Slovenia. La varietà di questa vite singolare è autoctona. 

Risaia e Piantagione di tè

Risaia in autunno

La risaia ai piedi del Castello, la piantagione di tè, i ciliegi ornamentali e il Giardino Giapponese con i suoi elementi tipici: acqua, sassi e piante che narrano esempi della storia della civiltà dell’Asia orientale.

Pareti d’Argilla Fiorite

Pareti d’Argilla Fiorite

La piantumazione originale delle colorate Pareti d’Argilla Fiorite è unica al mondo. In origine la superficie dove oggi si trovano le Pareti d’Argilla Fiorite era una cava d’argilla. Durante i lavori di costruzione qui è stato interrato un pendio. Poco prima dell’apertura dei Giardini, a causa di forti precipitazioni, ci furono movimenti pericolosi del terreno, che portò a massicce frane.

Fortuna nella sfortuna, perché questo diede la possibilità di realizzare una grande intenzione: la visione di un pendio coltivato e piantumato o di un giardino pendente iniziò a concretizzarsi. Furono impiegate modalità di costruzione speciali e molto innovative con una laboriosa tecnica di assetto, chiamata tecnica della “terra armata”, per assicurare le grosse masse di terreno.

Anche la cura delle “Pareti d’Argilla Fiorite” è dispendiosa come il progetto intero. Durante la stagione sono necessari diversi interventi curativi per mantenere attraente la piantumazione degli arbusti per i/le visitatori/trici. Anche interventi per mezzo di corde vengono eseguiti regolarmente per lavorare sui versanti ripidi.

Prato Fiorito

Prato Fiorito

Ai piedi del Castello i/le visitatori/trici possono ammirare un prato fiorito di tutti i colori e con diverse piante: una piantumazione di arbusti effettuata in vari anni fiorisce per tutta la durata della vegetazione. In ogni stagione cambia il suo aspetto: in primavera fiorisce un mare di tulipani, a cui seguono papaveri e iris. L’estate inizia con la fioritura della Gaura, delle monbrezie e delle agastache. L’aster e la borracina si colorano in autunno.

Limonaia

Limonaia

La Terrazza dei Limoni emana il flair caratteristico della Dolce-Vita, ottimo per rilassarsi e godere del paesaggio. Oltre ai limoni ed agli aranci in fioritura, la natura mostra dei kumquat esotici.

Collezione di Salvia

Salvia

Trauttmansdorff possiede la più grande collezione di salvia d’Italia aperta al pubblico; essa comprende 154 varietà e specie da diversi continenti. Mentre solitamente utilizziamo la salvia in cucina, alcune varietà sono adibite solo ad uso ornamentale. Molte delle specie di salvia in esposizione non sono resistenti al freddo e devono essere ripiantate ogni anno.

Raccolta di ortensie

Raccolta di ortensie

La raccolta di ortensie si anima in estate allo sbocciare delle sue 280 varietà: grandi e ricche infiorescenze globose o più semplici e piatte, con tonalità di colore che vanno dal bianco al rosa fino al blu scuro.

Il semideserto a succulente

Semideserto a succulente

Sull’area semideserta di Trauttmansdorff si stagliano cactus e altre succulente che superano l’altezza di un uomo – come ad esempio aloe africane ed euphorbiacee – come anche agavi nordafricane. Nei mesi invernali quest’area viene rinchiusa in una serra e riscaldata per evitare le gelate.