Il giglio

14/06/2023
I Giardini di Castel Trauttmansdorff
Bellezze incantevoli per il vostro giardino
Sono molto apprezzati da chi ha un giardino e vengono piantati sempre volentieri: i gigli. Ne esistono innumerevoli specie e grazie a loro, o meglio grazie alla loro stupefacente gamma di colori, la natura ci mostra – una volta di più – tutta la sua magnificenza. Con i suoi grandi fiori profumati, il giglio regala a chi lo osserva una incredibile ricchezza di tonalità, che va dall'arancione acceso al bianco delicato. 

Probabilmente vi è già capitato...

... di sentirne il profumo e ammirarne i fiori. Esistono oltre 100 specie di gigli selvatici, la maggior parte dei quali cresce nelle zone temperate dell'emisfero settentrionale.


I gigli sono presenti anche da noi. Fra le specie locali ci sono il giglio martagone e il giglio rosso. Ma il più conosciuto è senza ombra di dubbio il giglio di Sant'Antonio, o giglio bianco, caratteristico dell'area mediterranea orientale. È una delle piante coltivate più antiche e la sua importanza è legata soprattutto ai significati che gli sono attribuiti in ambito religioso. Nel Cristianesimo, ad esempio, il giglio bianco è simbolo di castità e purezza. 


Grazie all'intervento dell'essere umano, nel corso degli anni sono state create innumerevoli specie ibride che presentano molti vantaggi rispetto ai gigli selvatici, soprattutto in termini di vigore. Attualmente, le specie ibride registrate sono circa 10.000, divise in 8 gruppi: ci sono gli ibridi asiatici, gli ibridi del giglio martagone, gli ibridi a tromba e gli ibridi orientali, solo per citarne alcuni.

Volete coltivare gigli anche nel vostro giardino? Non c'è problema.

I gigli arricchiscono i giardini della magia della loro splendida fioritura e del loro profumo. Perché quindi non dovrebbero esserci nel vostro giardino? Al contrario, non possono mancare! Scegliete i gigli che preferite e piantateli nelle aiuole delle piante perenni. Assicuratevi di piantarli fra piante più basse di loro. Perché? I gigli amano un fondo ombreggiato! Ma anche se non avete un giardino, non dovete rinunciare alle loro belle fioriture. I gigli possono essere coltivati anche in vaso, sebbene in tal caso una buona concimazione sia essenziale. Programmate la messa a dimora dei gigli per l'autunno e nel frattempo date un'occhiata alle meravigliose specie ibride e agli stupendi gigli selvatici che si trovano in commercio.

Importante per la messa a dimora:

  • Il periodo ottimale è settembre/ottobre (solo il giglio bianco, Lilium candidum, dovrebbe essere piantato in agosto).
  • Piantate il bulbo in profondità, affinché il giglio sia stabile; le radici che gli danno stabilità, infatti, si diramano anche dalla parte di stelo che resta interrata.
  • Profondità ideale: almeno tre volte la dimensione del bulbo, ad eccezione, nuovamente, del giglio bianco, il cui bulbo deve essere coperto solo da pochi centimetri di terra.
  • Predisponete un fondo di drenaggio sotto al bulbo, perché i gigli non amano i terreni compatti e i ristagni d'acqua.
  • I gigli hanno bisogno di nutrimento. Per i vostri gigli preferite un terriccio tipo terra preta, così che abbiano sufficienti nutrienti per una fioritura rigogliosa. Dato il loro elevato fabbisogno di nutrienti, una buona concimazione è importante, soprattutto in primavera. In autunno è opportuno concimare nuovamente con terra preta o con trucioli di corno e farina di roccia.
  • Importante: non mettete sopra al bulbo compost non maturo o letame.
  • Affinché il bulbo possa accumulare le energie per rifiorire, è opportuno rimuovere le capsule dei semi. Lo stelo, invece, è meglio non reciderlo fino a quando non sarà completamente secco.